Pubblicato il

Perchè non ho voglia di poleggiare?

Tutte abbiamo passato quel momento.

Sto parlando di quella fase di apatia totale, di male di vivere e di super culopeso!

E spesso quel momento avviene proprio nei giorni più bui dell’anno.

E sì care Discepoler, perchè la mancanza di sole ha degli effetti super negativi sul nostro umore.

Adesso ti spiego un pò:

Quando la luce cala ed aumenta il buio, l’organismo produce melatonina, la quale induce il sonno ed altre cose simpatiche che vi elenco qui sotto:

  • Perdita di interesse e piacere in attività che precedentemente erano gradite
  • Ritiro sociale
  • Insonnia o ipersonnia (con frequente difficoltà a svegliarsi il mattino)
  • Perdita di appetito o iperfagia
  • Difficoltà di concentrazione e nel prendere le decisioni
  • Riduzione della libido
  • Mancanza di energie o agitazione
  • Irritabilità

Et voilà , ecco perchè avete avuto o state avendo ancora un calo di motivazione e voglia di mettere mani al palo.

Tutto normale, ma sappiate che ci sono dei rimedi per non essere intrappolate in questa spirale di nullafacenza.

Ed il rimedio numero 1 in assolito è….udite udite…MUOVERE IL CULO!

Proprio in questi momenti bisogna cercare di attivarsi, perchè l’attivarsi e fare una passeggiata, oppure fare anche solo 30 minuti di pole innalza i livelli di serotonina regolando quella melatonina in eccesso che vuole farci solo stare sotto la copertella!

Sicuramente avrete bisogno di qualcosa che vi motiva, una grossa spinta, un obiettivo.

Quindi cerca di individuare cosa ti fa scorrere adrenalina nelle vene, pianifica, programma e mettiti pronta.

Partite con poco, non fare tutto subito, prendetevi un pò di tempo per oliare gli ingranaggi e poi vai avanti tutta.

Io ho messo su un bel gruppetto di discepolers che mi sta seguendo con il mio programma Re-start, proprio per abbattere l’ apatia. Facciamo 3 incontri settimanali alla sera e sono fiera di me e di noi di come ci siamo date da fare in questo mese. Se vuoi saperne di più trovi un pò di info qui: https://elisadichello.com/re-start/

Vi voglio anche condividere un video di una delle mie Youtuber preferite che vive nel Nord della Svezia dove ci sono dei mesi di pochissima luce. Con i suoi modi delicati , spiega come affronta questi mesi, le sensazioni e i suoi stati d’animo. Vi lascio il link https://youtu.be/3zTR4ayDG38

Spero di avervi dato un pò di carica e di non avervi fatto sentire le sole a provare certe sensazioni.

Grazie per avermi letto e vi auguro una buona pole sempre e comunque.

Pubblicato il

Automassaggio per dolori scapolari

Ciao poler,

qualche giorno fa in una diretta su instagram mi avete chiesto dei rimedi per i dolori scapolari.

Quando inizia a fare pole, anche io ero messa ko da questi dolori.

Partivano fra le scapole e si irradiavano sotto al seno. Mi faceva male anche respirare.

Ho provato tutti i tipi di cerotti e balsami vari.  Ma l’unico sollievo arrivava dai farmaci fans per lo stadio acuto del dolore e successivamente i massaggi.

Dopo le gravidanze per non patire lo stesso dolore, ho preso in mano la situazione e ho agito su diversi fronti.

  1. ho potenziato molto i dorsali, sottoscapolari e romboidi.
  2. ho aumentato lo stretching di questi muscoli
  3. automassaggio con foamroller

Ho acquistato questo simpatico attrezzo su amazon, anche se pensavo fosse l’ennesimo attrezzo inutile che tanto adoro collezionare. Mi sono invece ricreduta e l’ho trovato fantastico.

Con il foam roller si possono fare diverse cose:

  • automassaggio muscolare
  • allungamento muscolare
  • mobilità articolare
  • riscaldamento muscolare

Cosa molto importante e che l’ utilizzo del foam roller è prevalentemente associato alla riduzione dei dolori muscolari, soprattutto dovuti a piccole contratture o affaticamento da gesto atletico.

La pressione che avviene grazie al proprio peso corporeo sul foam roller produce un perfetto automassaggio anche grazie ai bottoni propriocettivi , cioè quelle protuberanze che trovate sulla superficie del foam

Per avere un ottimo automassaggio la pressione dovrebbe essere localizzato sia sul punto in cui si avverte la contrattura ma anche su tutta la muscolatura circostante.

Qui lo trovate assieme ad altri “strumenti di tortura” e un ebook per spiegarvi gli utilizzi.

Vi lascio qui un video in cui mostro una piccola sequenza di automassaggio perfetta per noi poler!

 

Buon massaggio poler!