La mia storia

Non me lo ricordo neanche quando ho incontrato la musica, so solo che mi accompagna da sempre, passo molte ore della giornata in compagnia della musica. Anzi mi accorgo che tutte le cose importanti che faccio, le faccio proprio con la musica. Non si tratta di un semplice ascolto… o un sottofondo, è una tela dove creo le mie coreografie e sulla quale mi vedo sempre danzare. E la musica mi ha portato naturalmente a danzare, un gesto spontaneo che non ho mai potuto trattenere sin da quando ero una bambina, e volevo continuamente ballare e continuo a ballare ancora adesso e quando danzo mi sento in equilibrio, fortemente connessa a me stessa. Mi vedo riflessa nello specchio e mi piace ciò che vedo.La mia immagine che si muove, mi fa sentire viva. A vent’anni per caso mi sono trovata in un nuovo ambiente, un posto inaspettato ma che ha fatto nascere in me una nuova passione. La montagna, la roccia, con cui ho scoperto di essere in perfetta sintonia. Riesco ad amalgamarmi a lei e coglierne tutti i dettagli arrampicarmi, salire in alto sulle note del mio respiro e del mio battito. Il silenzio, come la musica mi porta alla scoperta di me. Da questo intreccio, è arrivata la passione più grande di tutte, con la pole e’ stato amore a prima vista, anzi, un amore al primo tocco.E più mi appassionavo, più capivo che la pole era l’unione di tutte queste mie passioni, una magia, una danza verticale. E in tutti questi annidi studio e di lavoro entusiasmante e faticoso, ho capito di voler insegnare e trasmettere tutto quello che ho imparato e che continuo ad imparare e ho deciso di farlo in un modo nuovo, per potere arrivare dal mio studio direttamente a voi, da casa mia a casa tua

Play Video